Pubblicato il Lascia un commento

Uk, centinaia di ricoveri di bambini con sindrome post-Covid

Un fenomeno che preoccupa i pediatri, il 75% dei bambini più colpiti dalla sindrome infiammatoria multisistemica pediatrica (PIMS) erano neri, asiatici o minoranze etniche (BAME). Quasi quattro bambini su cinque erano in precedenza sani, secondo un’istantanea dei casi non pubblicata.

Quando il fenomeno “PIMS” è emerso nella prima ondata della pandemia, ha causato confusione tra i medici, preoccupazione tra i capi del NHS e allarme tra i genitori. Inizialmente si pensava fosse la malattia di Kawasaki, una condizione rara che colpisce principalmente neonati e bambini. Ma la PIMS è stata riconosciuta come una nuova sindrome post-virale separata che colpisce un bambino su 5.000 circa un mese dopo aver avuto il Covid, indipendentemente dal fatto che presentassero sintomi.

Spesso comporta eruzioni cutanee, una temperatura fino a 40 ° C, pressione sanguigna pericolosamente bassa e problemi addominali e nei casi gravi i suoi sintomi sono come quelli dello shock tossico o della sepsi potenzialmente fatale. Si pensa che due bambini siano morti di PIMS dall’inizio della pandemia.

Sebbene gli specialisti non ritengano che la frequenza della malattia sia aumentata rispetto ai casi nella comunità più ampia, i numeri sono più alti rispetto alla prima ondata, con ospedali che si ritiene abbiano accolto fino a 100 giovani a settimana durante la seconda ondata, rispetto a circa 30 a settimana lo scorso aprile.

Si ritiene che dall’inizio di gennaio ogni giorno dai 12 ai 15 bambini si siano ammalati. I casi sono emersi in molti luoghi, ma la maggior parte si è verificata a Londra e nel sud-est dell’Inghilterra, aree in cui la nuova variante Kent del coronavirus ha determinato un forte aumento delle infezioni.

Le prove raccolte dalla dott.ssa Hermione Lyall, esperta di malattie infettive nei bambini e direttore clinico dei servizi per l’infanzia presso l’Imperial College Healthcare NHS di Londra, hanno messo a nudo l’impatto decisamente sproporzionato che la malattia sta avendo sui bambini di origine BAME.

Parte di una presentazione che ha fatto a un recente webinar a cui hanno partecipato più di 1.000 pediatri ha mostrato che, in un “primo rapporto nazionale” in 78 pazienti con PIMS finiti in terapia intensiva, il 47% erano di origine afro-caraibica e il 28% dei Background asiatico – tra cinque e sei volte superiore al 14% della popolazione del Regno Unito che è BAME.

La dottoressa Liz Whittaker, portavoce del PIMS per il Royal College of Paediatrics and Child Health, ha dichiarato: “Stiamo facendo ricerche per capire perché queste popolazioni siano così colpite. La genetica può essere sicuramente un fattore da valutare, ma siamo preoccupati che sia un riflesso di come questa sia una malattia della povertà, che colpisca in modo sproporzionato coloro che non possono evitare l’esposizione a causa della loro occupazione, famiglie multigenerazionali e alloggi affollati “.

Dati separati raccolti dalla dott.ssa Marie White dell’Evelina hanno mostrato che il 60% dei 107 casi di PIMS trattati fino al 13 gennaio erano bambini neri africani o caraibici.

Il dottor Habib Naqvi, direttore dell’NHS Race and Health Observatory, ha chiesto un’indagine sul rischio molto maggiore per i bambini delle etnie prese in esame di contrarre il PIMS. “Chiaramente, ora è necessaria un’indagine urgente sul motivo per cui i bambini neri e asiatici sono sovrarappresentati e più vulnerabili al PIMS.

“Siamo preoccupati per questi primi risultati e sappiamo che le disuguaglianze strutturali di salute possono influenzare la vita di individui provenienti da minoranze etniche nel corso della loro vita”.

Il set di dati di Lyall, basato sui dati di 21 delle 23 unità di terapia intensiva pediatrica (PICU), ha anche rivelato che il 78% dei pazienti non soffrisse precedentemente di patologie; l’età media dei bambini che contraggono il PIMS è di 11 anni, ma varia da otto a 14 anni; due terzi (67%) erano ragazzi; solo il 22% aveva il Covid quando è emerso il loro PIMS, mentre gli altri lo avevano avuto in precedenza; e quasi uno su quattro di coloro che finiscono in un PICU sviluppa una condizione cardiaca chiamata dilatazione delle arterie coronarie, che è potenzialmente fatale.

Ulteriori dati presentati dagli esperti al webinar hanno mostrato che un piccolo numero di bambini con esso vede il proprio cervello colpito e soffre di confusione, letargia, disorientamento, inizia a comportarsi in modo insolito e, in rari casi, ha un ictus. Inoltre, in uno studio su 75 bambini, otto avevano sofferto di problemi cardiaci, tra cui miocardite e disfunzione ventricolare.

Whittaker ha detto che i genitori non dovrebbero allarmarsi per l’aumento dei ricoveri perché la recente incidenza di PIMS è proporzionata al maggiore impatto della pandemia sugli adulti nelle ultime settimane. “Il PIMS può essere molto serio. Ma abbiamo visto meno bambini gravemente malati [nella seconda ondata] perché c’è un riconoscimento più precoce e un trattamento più precoce “, ha detto.

“Il fenomeno rimane raro, e non pensiamo che i genitori debbano preoccuparsi. I numeri sono bassi e [la PIMS] non sarebbe un motivo per impedire l’apertura delle scuole. L’età media [di insorgenza] è di nove anni. Non consiglieremmo quindi di chiudere i parchi giochi. “

Fonte: The Guardian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quindici + quattordici =