Pubblicato il

Il ruolo dei probiotici sulle infezioni del tratto respiratorio e gastrointestinale

Il ruolo del microbiota intestinale nel plasmare le risposte immunitarie ha portato gli scienziati a esplorare la modulazione del sistema immunitario come meccanismo alla base dei benefici per la salute dei probiotici.

Una nuova revisione sistematica e una meta-analisi di 9 studi clinici randomizzati suggeriscono che i probiotici possono ridurre l’incidenza delle infezioni del tratto respiratorio e gastrointestinale in bambini e adulti generalmente sani.

Il microbiota intestinale vive a stretto contatto con la barriera intestinale e molecole come l’immunoglobulina A prodotta dalle plasmacellule nella lamina propria. Il fatto che la maggior parte del sistema immunitario nel corpo umano si trovi all’interno dell’intestino, in particolare nell’intestino tenue ma anche nell’intestino crasso, ha portato gli scienziati a esplorare il ruolo dei probiotici nella funzione immunitaria.

Un meccanismo attraverso il quale i batteri probiotici potrebbero modulare il sistema immunitario umano, ad esempio, è l’aumento della risposta anticorpale, la diminuzione dell’infiammazione e la stimolazione della fagocitosi. Tuttavia, è stato poco studiato fino a che punto i probiotici, specialmente sotto forma di bevande a base di latte fermentato, possono influenzare la funzione immunitaria nella popolazione sana.

Una nuova revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati controllati conclude che un latte fermentato con batteri probiotici può ridurre le infezioni del tratto respiratorio e gastrointestinale in bambini e adulti sani, ma senza effetti sulla loro durata o gravità.

Gli autori hanno incluso nell’analisi nove studi randomizzati controllati che esploravano gli effetti di una bevanda a base di latte fermentato che conteneva il batterio probiotico Lacticaseibacillus paracasei subsp. paracasei CNCM I-1518 (Lactobacillus paracasei subsp. paracasei F19®)con colture standard di yogurt sull’incidenza, la durata e la gravità delle infezioni del tratto respiratorio superiore e inferiore e delle infezioni del tratto gastrointestinale in bambini e adulti generalmente sani di età pari o superiore a 2 anni (2 studi su bambini, 3 studi su adulti e 4 studi negli anziani).

L’efficacia e la sicurezza di questo ceppo probiotico erano fondate su studi precedenti che sostenevano il ruolo del ceppo nella modulazione di alcuni marcatori immunitari. In effetti, è stato suggerito che questo batterio probiotico possa migliorare l’immunità dell’ospite modulando il microbiota intestinale, la barriera epiteliale e la risposta immunitaria della mucosa locale.

Il consumo della bevanda a base di latte fermentato probiotico ha ridotto l’incidenza di infezioni del tratto respiratorio e gastrointestinale rispetto a un intervento con placebo o di controllo, misurato dal numero di soggetti che hanno manifestato una o più infezioni. Tuttavia, la bevanda a base di latte fermentato probiotico non ha avuto alcun effetto sulla durata o sulla gravità delle malattie infettive.

Alcuni limiti degli studi sull’intervento umano presentati nella meta-analisi includevano la mancata considerazione dei fattori confondenti (ad es., auto-segnalazione di infezioni senza diagnosi da parte di un medico), la bassa qualità degli studi riportata in alcuni studi, alti livelli di eterogeneità e occasionalmente insufficiente dati per la valutazione del bias di pubblicazione.

In conclusione, i risultati suggeriscono che le bevande a base di latte fermentato con batteri probiotici possono aiutare a ridurre la comparsa di nuovi casi di infezioni del tratto respiratorio e gastrointestinale che sono comuni nei bambini e negli adulti generalmente sani. I probiotici di per sé non prevengono o curano un’infezione, ma alla luce dei risultati attuali, questo sembra un approccio plausibile per supportare il sistema immunitario nel contesto di una dieta equilibrata.

Fonti bibliografiche:

Spencer J, Sollid LM. The human intestinal B-cell responseMucosal Immunol. 2016; 9(5):1113-1124. doi: 10.1038/mi.2016.59.

Poon T, Juana J, Noori D, Jeansen S, Pierucci-Lagha A, Musa-Veloso K. Effects of a fermented dairy drink containing Lacticaseibacillus paracasei subsp. paracasei CNCM I-1518 (Lactobacillus casei CNCM I-1518) and the standard yogurt cultures on the incidence, duration, and severity of common infectious diseases: A systematic review and meta-analysis of randomized controlled trialsNutrients. 2020; 12(11):3443. doi: 10.3390/nu12113443.

Fonte: Gutmicrobiotaforhealth.com