PREVENZIONE: PRIMARIA ARMA CONTRO I VIRUS STAGIONALI

PREVENZIONE: PRIMARIA ARMA CONTRO I VIRUS STAGIONALI

Con i primi freddi autunnali e l’approssimarsi dell’inverno arrivano le tossi, i raffreddori, le bronchiti ed otiti e i primi virus stagionali.

I vecchi rimedi della nonna hanno sempre un fondo di indiscutibile saggezza: spremuta d’arancia, brodo caldo, miele, per rinforzare il sistema immunitario, contrastare la febbre, lenire il raffreddore, ma a volte purtroppo non sono sufficienti.

E anche se quest’anno, per le temperature tutt’altro che rigide, l’influenza potrebbe farsi attendere, è pur vero che tra fine mese e novembre ci saranno i primi casi e si avrà il picco tra metà gennaio e i primi di febbraio. Le categorie a rischio si dovranno vaccinare.

Per tutte le altre è necessario adottare una adeguata strategia preventiva oltre ad una corretta igiene, buon senso e un’alimentazione che possa aiutarci a rinforzare il sistema immunitario.

I sintomi. Anzitutto una precisazione: la “vera” influenza ha sintomi precisi che non vanno confusi con le sindromi parainfluenzali, come raffreddore con starnuti e naso otturato. L’influenza arriva con febbre alta, sopra 38, dolori muscolari e articolari, tosse, mal di gola, naso che cola. E i farmaci aiutano soltanto a lenire i sintomi ma non sono in grado di eliminare il virus. Bisogna solo aspettare che passi. Ed evitare di contagiare altri.

I virus viaggiano nell’aria. Starnuti e tosse, infatti, sprigionano nell’aria quantità inimmaginabili di virus. Un solo starnuto può veicolare fino a quarantamila microgoccioline che possono viaggiare a 300 chilometri orari. Un colpo di tosse tremila goccioline che toccano i 75 chilometri all’ora. Dunque evitare luoghi affollati e umidi, ma senza rinunciare alla vita sociale. E poi lavarsi le mani, non parlare a distanza ravvicinata, evitare baci di saluto, buttare subito i fazzoletti di carta utilizzati.

La prevenzione.

Prevenire l’influenza non è facile ma certamente si può cercare di ritardarla o affrontarla al meglio. Un esercizio fisico moderato all’aria certamente aiuta. Insieme ad una buona alimentazione, e ad abitudini sane, come dormire per 7-8 ore. Quindi tanta frutta e verdura, per un migliore apporto vitaminico e di sali minerali, come peperoni, cavolfiori, broccoli, evitando cotture prolungate perché le vitamine sono idrosolubili e termolabili. Meglio una cottura a vapore, al microonde o comunque con poca acqua. Importante consumare cereali integrali e legumi, per l’apporto di fibra e di zinco, che interviene nei processi che stimolano le difese immunitarie. La scomposizione della fibra, inoltre, produce acidi grassi a catena corta che hanno un ruolo salutare per la parete intestinale, la grande barriera del nostro organismo contro l’infiammazione per rinforzare il sistema immunitario.

Molteplici studi in questi anni hanno inoltre dimostrato l’importanza dell’assunzione della VITAMINA D3 che esercita un efficace attività di regolazione sul sistema immunitario la cui carenza è associata ad una più facile insorgenza delle infezioni in generale ed in particolare di quelle respiratorie, dimostrando uno stretto collegamento con la carenza di VITAMINA D e rischio infettivo.

RICORDO PER LE MAMME

DALL’AUTUNNO, TEMPO DI PREVENZIONE, ALL’INVERNO PERIODO DI MASSIMA ESPOSIZIONE

La strategia più sicura per il controllo dei virus stagionali e delle sindromi influenzali, per garantire una risposta immunitaria dei propri bambini, per controllare gli stati febbrili e per fermare l’azione dei virus nelle Infezioni Respiratorie Ricorrenti è legata all’utilizzo di dispositivi e presidi medici con azione antisettica, antibatterica e antinfiammatoria, a base di Lattoferrina, Propoli, Zinco Solfato, Glucano, Ribes Nigrum, per contrastare i processi infiammatori ed aumentare le difese. Sono molto utili anche i dispositivi indicati per la protezione e la pulizia delle mucose nasali delle vie respiratorie, da utilizzare nei lavaggi e in aerosolterapia per migliorare la respirazione favorendo la fluidificazione del muco e del catarro, a base di Sodio Ialuronico, Beta Glucano, Lattoferrina e Cloruro di Sodio.

2017-11-30T14:42:15+00:00