L’antibiotico resistenza nei bambini e i superbatteri: dieci consigli della Società Italiana di Pediatria per la salute dei tuoi bambini.
L’antibiotico resistenza nei bambini esiste e occorre prevenirla.
Gli antimicrobici o antibiotici
sono stati una scoperta sensazionale della scienza, salvando per quasi un secolo milioni di vite. Oggi, però, l’uso sconsiderato ed eccessivo di antibiotici sta progressivamente perdendo l’effetto desiderato. L’antibiotico resistenza nei bambini e negli adulti è quel fenomeno che sopraggiunge quando un determinato batterio viene sollecitato e trattato più volte con una stessa molecola antimicrobica. Come accade in natura, in presenza di un agente ostile la popolazione sensibile muore, ma i più forti sopravvivono e si equipaggiano per difendersi dal nemico. Anche i batteri non sono da meno, e per preservare la propria specie hanno iniziato a mutare e selezionare accuratamente una progenie resistente, la quale a lungo andare è diventata quella dominante.

I “superbatteri” sono tra noi e per combatterli occorre giocare di prevenzione, evitando di “metterli alla prova” inutilmente e rinforzarne gli equipaggiamenti. La Società Italiana di Pediatria parla chiaro: in Italia le ospedalizzazioni per infezioni antibiotico-resistenti sono 78.570, un numero davvero elevato, circa il 2-3% delle ospedalizzazioni totali. L’antibiotico resistenza nei bambini e negli adulti, come ricorda l’OMS occorre una presa di coscienza sul corretto utilizzo di questi farmaci perché la resistenza può essere stata causata da alcuni ma è diventata un problema di tutti soprattutto se si parla della questione delicata dell’antibiotico resistenza nei bambini.

La Società italiana di Pediatria ha redatto un decalogo per mamme e papà per richiesta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che vogliono testare le proprie competenze sull’uso degli antibiotici per contrastare l’antibiotico resistenza nei bambini. Ecco i dieci consigli dei pediatri da seguire:

N°1 Gli antibiotici sono utili solo per curare le infezioni batteriche.

N°2 Usa gli antibiotici solo quando servono.

N°3 Assumere un antibiotico, se non serve, non aiuta a far passare prima la febbre.

N°4 Prima di far assumere un antibiotico a tuo figlio, parlane con il pediatra.

N°5 No al fai da te.

N°6 Il bambino non è un piccolo adulto: la dose di antibiotico va decisa dal pediatra.

N°7 L’antibiotico va somministrato alla dose giusta: dare più antibiotico non serve a guarire prima.

N°8 Previeni le infezioni con alcune semplici regole: lavati le mani, copri naso e bocca quando tossisci o starnutisci.

N°9 Esegui le vaccinazioni consigliate: la vaccinazione è l’unico strumento efficace per prevenire numerose malattie.

N°10 I batteri possono sviluppare resistenza agli antibiotici.

Vuoi giocare d’anticipo? Effettua una corretta immunoprofilassi, il migliore attacco è sempre la prevenzione per contrastare l’antibiotico resistenza nei bambini.